Anmelden (DTAQ) DWDS     dlexDB     CLARIN-D

Justi, Carl: Diego Velazquez und sein Jahrhundert. Bd. 2. Bonn, 1888.

Bild:
<< vorherige Seite

Anhang.
sua professione; perche con gli Spagnuoli bassi tato si perde in stimarli poco,
quanto in stimarli troppo, et a V. S. I. bacio le mani

[Beginn Spaltensatz]
Di V. S. Illma. e Reuma.
Monsr. Arciuo. di Pisa.
[Spaltenumbruch] Obbligmo. frello e Serure.
Auerardo Medici.
[Ende Spaltensatz]
Auszüge aus Depeschen des Modenesischen Gesandten Fulvio Testi in Madrid.

Im Archivio di Stato zu Modena (Vgl. Band II 69).

3.

Il Re aveva fatto dono al Duca Francesco Io d' una Gioia di diamante del
valore di 33/m Ducatoni d' argento. Nel rovescio dell' Aquila aveva un piccolissimo
ritratto del Re fatto dal Velaschez tanto simile e tanto bello che certo e una
cosa di stupore.

4.
Aus einem Schreiben des Herzogs.

Se il ritratto a cavallo che costi [a Madrid] si fa di Noi riesce buono, vogliamo
che ce ne mandiate una copia, ma di mano del Pittore che faceva l' originale.

5.

Il Velasco fa il Ritratto di V. A. che sara mirabile. Ha pero egli ancora
il difetto degli altri Valenthuomini, cio e di non finirla mai, e di non dir mai la
verita. Gli ho dato centocinquanta pezze da otto a buon conto, e dal Marche Vir-
gilio [Malvezzi] il prezzo s' e aggiustato in cento doble. Egli e caro; ma fa bene;
e certo i suoi Ritratti io non gli stimo inferiori a quelli d'alcun' altro de' piu rinomati
tra gli Antichi. o tra Moderni. Jo l' andero sollecitando; e intanto profondissime;
a V. A. m' inchino.

Di Madrid
[Beginn Spaltensatz] D. V. A. Serma.
[Spaltenumbruch] li 12 Marzo 1639
Vmilissmo. e Fedmo servo e Vassalo
D. Fulvio Testi.
6.
Brief des Gennaro Poggi an den Herzog Franz von Modena.

Sermo Principe.

Questa mattina e capitato qui il Sr. D. Gio. Vellaschi Pittore di Sua Ma
Cattca: che uiene di Roma per ritornare in Ispagna: Egli e stato subo. a ritro-
uarmi alla mia casa per significarmi il pensiero che tiene di fermarsi qui sino al
ritorno di V. A. Serma per soddisfare al propo. debito di humilmte. riuerirla, et
alla promessa gia fatta a V. A. Serma per ricevere l' honore de suoi comandamti:
Io non ho lasciato, ne lasciero di seruirlo in ogni miglior modo a me possibile,
e sono ito subo. dal Sr. marche. Boschetti rappresentandogli che altra volta il do.
Sr. Vellaschi fu allogiato alla Comedia, per intendere se gli par bene di fare hora

Anhang.
sua professione; perchè con gli Spagnuoli bassi tãto si perde in stimarli poco,
quanto in stimarli troppo, et à V. S. I. bacio le mani

[Beginn Spaltensatz]
Di V. S. Illma. e Reuma.
Monsr. Arciuo. di Pisa.
[Spaltenumbruch] Obbligmo. frell͠o e Serure.
Auerardo Medici.
[Ende Spaltensatz]
Auszüge aus Depeschen des Modenesischen Gesandten Fulvio Testi in Madrid.

Im Archivio di Stato zu Modena (Vgl. Band II 69).

3.

Il Re aveva fatto dono al Duca Francesco Io d’ una Gioia di diamante del
valore di 33/m Ducatoni d’ argento. Nel rovescio dell’ Aquila aveva un piccolissimo
ritratto del Rè fatto dal Velaschez tanto simile e tanto bello che certo è una
cosa di stupore.

4.
Aus einem Schreiben des Herzogs.

Se il ritratto a cavallo che costi [a Madrid] si fa di Noi riesce buono, vogliamo
che ce ne mandiate una copia, mà di mano del Pittore che faceva l’ originale.

5.

Il Velasco fà il Ritratto di V. A. che sarà mirabile. Hà però egli ancora
il difetto degli altri Valenthuomini, ciò è di non finirla mai, e di non dir mai la
verità. Gli hò dato centocinquanta pezze da otto a buon conto, e dal Marche Vir-
gilio [Malvezzi] il prezzo s’ è aggiustato in cento doble. Eglí è caro; mà fà bene;
e certo i suoi Ritratti io non gli stimo inferiori a quelli d’alcun’ altro de’ più rinomati
trà gli Antichi. o trà Moderni. Jo l’ anderò sollecitando; e intanto profondissime;
a V. A. m’ inchino.

Di Madrid
[Beginn Spaltensatz] D. V. A. Serma.
[Spaltenumbruch] li 12 Marzo 1639
Vmilissmo. e Fedmo servo e Vassalo
D. Fulvio Testi.
6.
Brief des Gennaro Poggi an den Herzog Franz von Modena.

Sermo Principe.

Questa mattina è capitato quì il Sr. D. Gio. Vellaschi Pittore di Sua Mà
Cattca: che uiene di Roma per ritornare in Ispagna: Egli è stato subo. à ritro-
uarmi alla mia casa per significarmi il pensiero che tiene di fermarsi qui sino al
ritorno di V. A. Serma per soddisfare al propo. debito di humilmte. riuerirla, et
alla promessa già fatta a V. A. Serma per ricevere l’ honore de suoi comandamti:
Io non hò lasciato, ne lascierò di seruirlo in ogni miglior modo à me possibile,
e sono ito subo. dal Sr. marche. Boschetti rappresentandogli che altra volta il do.
Sr. Vellaschi fù allogiato alla Comedia, per intendere se gli par bene di fare hora

<TEI>
  <text>
    <body>
      <div n="1">
        <div n="2">
          <div n="3">
            <p><pb facs="#f0423" n="397"/><fw place="top" type="header">Anhang.</fw><lb/>
sua professione; perchè con gli Spagnuoli bassi tãto si perde in stimarli poco,<lb/>
quanto in stimarli troppo, et à V. S. I. bacio le mani</p><lb/>
            <closer>
              <cb type="start"/>
              <dateline>Di Madrid li 22 di Sett<hi rendition="#sup">re</hi> 1629.</dateline><lb/>
              <salute><hi rendition="#c">Di V. S. Ill<hi rendition="#sup">ma</hi>. e Reu<hi rendition="#sup">ma</hi>.</hi><lb/>
Mons<hi rendition="#sup">r</hi>. Arciu<hi rendition="#sup">o</hi>. di Pisa.<lb/><cb/>
Obblig<hi rendition="#sup">mo</hi>. frell&#x0360;o e Seru<hi rendition="#sup">re</hi>.<lb/><hi rendition="#et"><hi rendition="#i">Auerardo Medici.</hi></hi></salute>
              <cb type="end"/>
            </closer>
          </div><lb/>
          <div n="3">
            <head> <hi rendition="#b">Auszüge aus Depeschen des Modenesischen Gesandten Fulvio Testi in Madrid.</hi> </head><lb/>
            <p> <hi rendition="#c">Im Archivio di Stato zu Modena (Vgl. Band II 69).</hi> </p><lb/>
            <div n="4">
              <head> <hi rendition="#b">3.</hi> </head><lb/>
              <opener>
                <dateline> <hi rendition="#c">1638. 14. November (Madrid.)</hi> </dateline>
              </opener><lb/>
              <p>Il Re aveva fatto dono al Duca Francesco I<hi rendition="#sup">o</hi> d&#x2019; una Gioia di diamante del<lb/>
valore di 33/m Ducatoni d&#x2019; argento. Nel rovescio dell&#x2019; Aquila aveva un piccolissimo<lb/>
ritratto del Rè fatto dal Velaschez tanto simile e tanto bello che certo è una<lb/>
cosa di stupore.</p>
            </div><lb/>
            <div n="4">
              <head> <hi rendition="#b">4.</hi> </head><lb/>
              <opener rendition="#c">Aus einem Schreiben des Herzogs. <dateline>1638. 21. November. (Cadaques, Catalonien.)</dateline></opener><lb/>
              <p>Se il ritratto a cavallo che costi [a Madrid] si fa di Noi riesce buono, vogliamo<lb/>
che ce ne mandiate una copia, mà di mano del Pittore che faceva l&#x2019; originale.</p>
            </div><lb/>
            <div n="4">
              <head> <hi rendition="#b">5.</hi> </head><lb/>
              <opener>
                <dateline> <hi rendition="#c">1639. 12. März (Madrid.)</hi> </dateline>
              </opener><lb/>
              <p>Il Velasco fà il Ritratto di V. A. che sarà mirabile. Hà però egli ancora<lb/>
il difetto degli altri Valenthuomini, ciò è di non finirla mai, e di non dir mai la<lb/>
verità. Gli hò dato centocinquanta pezze da otto a buon conto, e dal March<hi rendition="#sup">e</hi> Vir-<lb/>
gilio [Malvezzi] il prezzo s&#x2019; è aggiustato in cento doble. Eglí è caro; mà fà bene;<lb/>
e certo i suoi Ritratti io non gli stimo inferiori a quelli d&#x2019;alcun&#x2019; altro de&#x2019; più rinomati<lb/>
trà gli Antichi. o trà Moderni. Jo l&#x2019; anderò sollecitando; e intanto profondissim<hi rendition="#sup">e</hi>;<lb/>
a V. A. m&#x2019; inchino.</p>
              <closer>
                <salute>Di Madrid<lb/><cb type="start"/> <hi rendition="#c">D. V. A. Ser<hi rendition="#sup">ma</hi>.<lb/><cb/>
li 12 Marzo 1639<lb/>
Vmiliss<hi rendition="#sup">mo</hi>. e Fed<hi rendition="#sup">mo</hi> servo e Vassalo<lb/><hi rendition="#i">D. Fulvio Testi.</hi></hi></salute>
              </closer>
            </div>
          </div><lb/>
          <div n="3">
            <head> <hi rendition="#b">6.<lb/>
Brief des Gennaro Poggi an den Herzog Franz von Modena.</hi> </head><lb/>
            <opener>
              <dateline> <hi rendition="#c">1650. 12. December. Modena.</hi> </dateline><lb/>
              <salute>Ser<hi rendition="#sup">mo</hi> Principe.</salute>
            </opener><lb/>
            <p>Questa mattina è capitato quì il S<hi rendition="#sup">r</hi>. D. Gio. Vellaschi Pittore di Sua M<hi rendition="#sup">à</hi><lb/>
Catt<hi rendition="#sup">ca</hi>: che uiene di Roma per ritornare in Ispagna: Egli è stato sub<hi rendition="#sup">o</hi>. à ritro-<lb/>
uarmi alla mia casa per significarmi il pensiero che tiene di fermarsi qui sino al<lb/>
ritorno di V. A. Ser<hi rendition="#sup">ma</hi> per soddisfare al prop<hi rendition="#sup">o</hi>. debito di humilm<hi rendition="#sup">te</hi>. riuerirla, et<lb/>
alla promessa già fatta a V. A. Ser<hi rendition="#sup">ma</hi> per ricevere l&#x2019; honore de suoi comandam<hi rendition="#sup">ti</hi>:<lb/>
Io non hò lasciato, ne lascierò di seruirlo in ogni miglior modo à me possibile,<lb/>
e sono ito sub<hi rendition="#sup">o</hi>. dal S<hi rendition="#sup">r</hi>. march<hi rendition="#sup">e</hi>. Boschetti rappresentandogli che altra volta il d<hi rendition="#sup">o</hi>.<lb/>
S<hi rendition="#sup">r</hi>. Vellaschi fù allogiato alla Comedia, per intendere se gli par bene di fare hora<lb/></p>
          </div>
        </div>
      </div>
    </body>
  </text>
</TEI>
[397/0423] Anhang. sua professione; perchè con gli Spagnuoli bassi tãto si perde in stimarli poco, quanto in stimarli troppo, et à V. S. I. bacio le mani Di Madrid li 22 di Settre 1629. Di V. S. Illma. e Reuma. Monsr. Arciuo. di Pisa. Obbligmo. frell͠o e Serure. Auerardo Medici. Auszüge aus Depeschen des Modenesischen Gesandten Fulvio Testi in Madrid. Im Archivio di Stato zu Modena (Vgl. Band II 69). 3. 1638. 14. November (Madrid.) Il Re aveva fatto dono al Duca Francesco Io d’ una Gioia di diamante del valore di 33/m Ducatoni d’ argento. Nel rovescio dell’ Aquila aveva un piccolissimo ritratto del Rè fatto dal Velaschez tanto simile e tanto bello che certo è una cosa di stupore. 4. Aus einem Schreiben des Herzogs. 1638. 21. November. (Cadaques, Catalonien.) Se il ritratto a cavallo che costi [a Madrid] si fa di Noi riesce buono, vogliamo che ce ne mandiate una copia, mà di mano del Pittore che faceva l’ originale. 5. 1639. 12. März (Madrid.) Il Velasco fà il Ritratto di V. A. che sarà mirabile. Hà però egli ancora il difetto degli altri Valenthuomini, ciò è di non finirla mai, e di non dir mai la verità. Gli hò dato centocinquanta pezze da otto a buon conto, e dal Marche Vir- gilio [Malvezzi] il prezzo s’ è aggiustato in cento doble. Eglí è caro; mà fà bene; e certo i suoi Ritratti io non gli stimo inferiori a quelli d’alcun’ altro de’ più rinomati trà gli Antichi. o trà Moderni. Jo l’ anderò sollecitando; e intanto profondissime; a V. A. m’ inchino. Di Madrid D. V. A. Serma. li 12 Marzo 1639 Vmilissmo. e Fedmo servo e Vassalo D. Fulvio Testi. 6. Brief des Gennaro Poggi an den Herzog Franz von Modena. 1650. 12. December. Modena. Sermo Principe. Questa mattina è capitato quì il Sr. D. Gio. Vellaschi Pittore di Sua Mà Cattca: che uiene di Roma per ritornare in Ispagna: Egli è stato subo. à ritro- uarmi alla mia casa per significarmi il pensiero che tiene di fermarsi qui sino al ritorno di V. A. Serma per soddisfare al propo. debito di humilmte. riuerirla, et alla promessa già fatta a V. A. Serma per ricevere l’ honore de suoi comandamti: Io non hò lasciato, ne lascierò di seruirlo in ogni miglior modo à me possibile, e sono ito subo. dal Sr. marche. Boschetti rappresentandogli che altra volta il do. Sr. Vellaschi fù allogiato alla Comedia, per intendere se gli par bene di fare hora

Suche im Werk

Hilfe

Informationen zum Werk

Download dieses Werks

XML (TEI P5) · HTML · Text
TCF (text annotation layer)
TCF (tokenisiert, serialisiert, lemmatisiert, normalisiert)
XML (TEI P5 inkl. att.linguistic)

Metadaten zum Werk

TEI-Header · CMDI · Dublin Core

Ansichten dieser Seite

Voyant Tools ?

Language Resource Switchboard?

Feedback

Sie haben einen Fehler gefunden? Dann können Sie diesen über unsere Qualitätssicherungsplattform DTAQ melden.

Kommentar zur DTA-Ausgabe

Dieses Werk wurde gemäß den DTA-Transkriptionsrichtlinien im Double-Keying-Verfahren von Nicht-Muttersprachlern erfasst und in XML/TEI P5 nach DTA-Basisformat kodiert.




Ansicht auf Standard zurückstellen

URL zu diesem Werk: https://www.deutschestextarchiv.de/justi_velazquez02_1888
URL zu dieser Seite: https://www.deutschestextarchiv.de/justi_velazquez02_1888/423
Zitationshilfe: Justi, Carl: Diego Velazquez und sein Jahrhundert. Bd. 2. Bonn, 1888, S. 397. In: Deutsches Textarchiv <https://www.deutschestextarchiv.de/justi_velazquez02_1888/423>, abgerufen am 26.01.2021.